Articoli

Aurea Mediocritas

 

 

Pensieri e parole post #Sanremo 

dalla parte di #CheSiaBenedetta

 

Lei non ha capito niente perché è un uomo medio.

Un uomo medio è un mostro,

un pericoloso delinquente, conformista, razzista,

schiavista, qualunquista. 

 

Pier Paolo Pasolini, La Ricotta 

 

 

Una rivoluzione anestetizzante imperversa la nostra specie e  non ce ne siamo quasi accorti: la mediocrazia ci ha travolti. I mediocri sanno come andare a comandare.

Ci mettono allo specchio una società scissa tra la tentazione della spiritualità e la necessità dell'apparire, quella dei selfisti anonimi. Un mondo in cui c'è spazio anche per l’eracliteo panta rei, il nirvana di Schopenhauer e certamente il karma. Tutto cambia in superficie per restare esattamente com’è  scimmiottando costumi che non ci appartengono. Eppure le parole sono importanti…riescono a penetrare con la forza di un mantra anche in quelli che fanno cose e vedono gente. [...]

 

Clicca sul pulsante "more" per leggere tutto l'articolo

 

Dott.ssa Domenica Caruso

19 febbraio 2017 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 


Non opprimere i figli con l'idea della scuola

 

di Natalia Ginzburg

 
Al rendimento scolastico dei nostri figli, siamo soliti dare un'importanza che è del tutto infondata. E anche questo non è se non rispetto per la piccola virtù del successo. Dovrebbe bastarci che non restassero troppo indietro agli altri, che non si facessero bocciare agli esami; ma noi non ci accontentiamo di questo; vogliamo, da loro, il successo, vogliamo che diano delle soddisfazioni al nostro orgoglio.
Se vanno male a scuola, o semplicemente non così bene come noi pretendiamo, subito innalziamo fra loro e noi la bandiera del malcontento costante; prendiamo con loro il tono di voce imbronciato e piagnucoloso di chi lamenta un'offesa.  [...]

 

Tratto da Natalia Ginzburg, Le piccole virtù, pubblicato originariamente su "Nuovi Argomenti" nel 1960

 

Clicca sul pulsante "more" per leggere tutto l'articolo

 


Main the G.A.P.

Attenti al Gioco d’Azzardo Patologico” e alle dipendenze da INTERNET e dalle nuove tecnologie

 

 

Ieri mattina i locali del Laboratorio di città “Nelson Mandela” di Misterbianco hanno ospitato 65 alunni dell’istituto comprensivo L.Da Vinci del paese per dare il via al progetto “MIND THE G.AP.” Si tratta di un’azione di prevenzione al gioco d’azzardo patologico, tramite cui ho avuto il piacere di collaborare con l’associazione Modavi Federazione Regionale Sicilia, di concerto con il Modavi ONLUS (sede Nazionale di Roma) e Ideazione Ciao che si impegnano a promuovere questo lavoro a livello inter regionale ed europeo. Specificatamente Il progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali i sensi della L.383/00, intende realizzare un percorso multi-dimensionale per la tutela dei giovani dalle dipendenze patologiche ed il contrasto alla ludopatia. In particolare con i ragazzini di scuola elementare e media saranno analizzati  gli aspetti relativi alla dipendenza da internet, smartphone e social media che sempre più affliggono la società moderna. Ad oggi, invero, dai dati rilevati dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) sono 1,8 milioni gli italiani a rischio ludopatia, e già un milione di individui soffre di questa malattia. [...]

 

Clicca sul pulsante "more" per leggere tutto l'articolo

 

Dott.ssa Domenica Caruso

24 Marzo 2017 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

BOOKCROSSING Il centro studi PsicologiaFunzionale di Misterbianco diventa BOOKCROSSING ZONE: un luogo sicuro dove scambiare libri gratuitamente.

Come prendersi cura del nostro sitema nervoso?  Uno dei modi è leggere. Tutti i lettori appassionati lo sanno: immergersi in un bel libro è un’esperienza totalizzante, che stimola la nostra immaginazione e ci emoziona.

Studi scientifici dimostrano infatti che leggere buoni romanzi attiva nel cervello molte reti neurali, rilassa e migliora la capacità di provare empatia. In particolare, La lettura sembra attivare, il cosiddetto “Default Network”, ossia la rete di neuroni che genera quel pensiero “ondivago” tipico della mente a riposo. E’ interessante come a seconda di ciò che si legge, si attivano solo alcuni circuiti della rete: ad esempio brani che descrivono persone e pensieri attivano la corteccia cerebrale prefrontale mediale, nella zona anteriore del cervello; brani a contenuto più fisico attivano i lobi temporali mediali e il giro temporale mediale anteriore. Il nostro cervello si attiva grazie agli input provenienti dalla lettura e ci porta ad immedesimarci in quello che leggiamo come se lo stessimo realmente vivendo.  Non solo: leggendo si verifica nel tempo un vero e proprio incremento delle abilità di comprensione delle relazioni sociali,  della capacità di intuizione dei sentimenti dei pensieri e delle reazioni propri ed altrui, quindi in generale dell’empatia.

Più si va avanti con l’età, più bisognerebbe “allenare” il cervello con buone letture, ed occorre iniziare fin da piccoli a coltivare il piacere di Stare con un libro. 

 

Per questo il centro studi Psicologia Funzionale di Misterbianco diventa una BookCrossingZone. Aderiamo al progetto internazionale di Book Crossing offrendo un luogo e un tempo per lo scambio libero di libri, la scoperta e la condivisione. In particolare il progetto nasce per bambini e ragazzi ma presto sarà attivo anche per adulti. Chi partecipa porta un libro e ne prende un altro, tutto gratuitamente. I testi saranno registrati nella community mondiale del bookcrossing per ottenere un BCID e seguire quindi il volume nei suoi spostamenti. Un modo originale per trasformare il Pianeta in una biblioteca accessibile a tutti. Un modo sano per crescere, condividere, stare. Un modo semplice per cambiare il mondo.