Download
Scarica le Slide sui BES nella scuola dell'infanzia
BES-Infanzia.pdf
Documento Adobe Acrobat 4.6 MB

Identificazione precoce: DSA e Scuola dell’Infanzia

Dalla Legge 170/2010 sappiamo che E' compito delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell'infanzia, attivare, previa apposita comunicazione alle famiglie interessate, interventi tempestivi, idonei ad individuare i casi sospetti di DSA degli studenti, sulla base dei protocolli regionali di cui all'articolo 7, comma 1. L'esito di tali attività non costituisce, comunque, una diagnosi di DSA ...”

 

Cosa ne deriva:

  •  Compiti e responsabilità per la scuola

Attenzione alla fase della valutazione

Misure formative necessarie per il personale docente e dirigenziale in ambito

scolastico sui DSA

Utilizzo di modalità individualizzate e flessibili nell'approccio a soggetti con

DSA nonché all'utilizzo di strumenti compensativi volti a favorire l'apprendimento

  • Cosa sono i DSA:

difficoltà scolastiche dovute ad alterazioni di natura neurobiologica

caratteristiche personali con cui si nasce

possono modificarsi nel tempo ma difficilmente scompaiono

non sono dovuti a pigrizia, poca motivazione o ritardo nel funzionamento intellettivo

generale

possono determinare prestazioni altalenanti, bassa autostima, atteggiamenti di

chiusura e di disinteresse verso gli impegni scolastici.

  • Dislessia:

definizione: Difficoltà nella lettura che porta il bambino a compiere molti errori e/o a leggere lentamente (non in maniera automatica)

Parametri di valutazione: Un bambino dislessico, molto probabilmente, vede la frase “la dislessia è un difficoltà specifica nella lettura, nel riconoscere e comprendere i segni associati alla parola” così “Le bislassia è una bivicoltà sqecifica nella lettura, nel riconoscere e comqranbere i sagni asociati alla qarola”. le lettere con grafia e suoni simili sono invertite, le doppie omesse

Le difficoltà di lettura potrebbero essere associate a un deficit della via visiva M (magnocellulare)

Nonostante i progressi realizzati nell’ultimo decennio nel campo delle neuroscienze (tecniche di indagine genetica e di indagine della neurofisiologia cerebrale), non esistono per ora dei marker neurobiologici internazionalmente condivisi per la diagnosi della Dislessia Evolutiva. Pertanto la diagnosi si basa essenzialmente su prove comportamentali, fondate su criteri convenzionalmente condivisi dalla Comunità clinico-scientifica (Consensus Conference 2007, PARCC 2011, Consensus Conference ISS 2010)

 

  • Disgrafia

• Definizione: Disturbo della parte grafica e motoria della scrittura dei segni alfabetici e numerici. Il tracciato risulta incerto e irregolare, può derivare da difficoltà prassiche, di coordinazione visuo-motoria o incompleta lateralizzazione

Disortografia

Definizione: Disturbo della scrittura legato alla componente linguistica. Difficoltà a scrivere le parole usando tutti i segni alfabetici, a collocarli al posto giusto e rispettare le regole ortografiche come gli accenti, gli apostrofi, le forme verbali, ecc

Parametri di valutazione: “porto scappe moto grose, facio sembre dei inchini, le mie labra tutte rosse fano ridere i bambini”. Il bambino con disortografia commette errori che riguardano omissioni di lettere (moto per molto) o parti di parola, sostituzioni (sembre per sempre) o inversioni (mei per mie), assenza di doppie (fano per fanno) o accenti.

  • Discalculia

Definizione: Disturbo negli apprendimenti dei concetti logico-matematici che porta a difficoltà nelle abilità di calcolo o della scrittura e lettura del numero

Parametri di valutazione: Errori e lentezza nel:

Comprendere il significato dei numeri e quindi calcolare la numerosità, la

comparazione e la seriazione;

Leggere e scrivere i numeri perché può confondere cifre simili ma orientate

diversamente (9 e 6), coppie di numeri leggermente somiglianti tra loro (1 e 7, 3 e 5), l’organizzazione sequenziale dei numeri (21 e 12) e l’elencazione dei numeri in avanti e indietro;

Fare i calcoli a mente o per iscritto (difficoltà con l’incolonnamento, il riporto, il significato dei segni +,-,X,:)

  • Diagnosi

 

Per la dislessia, la disgrafia e la disortografia la diagnosi si può dare al 2° anno della scuola primaria (coincide con il completamento del ciclo dell’istruzione formale del codice scritto)

  • ipotesi diagnostica:già alla fine del 1° anno della scuola primaria:
  •  profili funzionali molto compromssi
  •  pregresso disturbo del linguaggio
  • familiarità accertata per il disturbo di lettura

per la discalculia alla fine della 3° anno della scuola primaria

 

  • I fattori di rischio

• Linee guida allegate al Decreto attuativo 12/7/2011

“Un alunno con DSA potrà venire diagnosticato solo dopo l'ingresso nella scuola primaria, quando le difficoltà eventuali interferiscano in modo significativo con gli obiettivi scolastici o con le attività della vita quotidiana che richiedono capacità formalizzate di lettura, di scrittura e di calcolo. Tuttavia, durante la scuola dell'infanzia l'insegnante potrà osservare l'emergere di difficoltà più globali, ascrivibili ai quadri di DSA, quali difficoltà grafo-motorie, difficoltà di orientamento e integrazione spazio-temporale, difficoltà di coordinazione oculo-manuale e di coordinazione dinamica generale, dominanza laterale non adeguatamente acquisita, difficoltà nella discriminazione e memorizzazione visiva sequenziale, difficoltà di orientamento nel tempo scuola, difficoltà nell’esecuzione autonoma delle attività della giornata, difficoltà ad orientarsi nel tempo prossimale (ieri, oggi, domani)...”

(www.istruzione.it/web/istruzione/dsa)

  • Perché intervenire precocemente

I DSA rappresentano il 4-5 % nella popolazione scolastica

Interdipendenza tra componenti

• Cognitive

• Emotive, motivazionali e relazionali

Esperienze ripetute di insuccessi che condizionano la personalità del bambino

L’80% dei bambini con DSA presentano anche:

Problemi motivazionali

  • Si sentono meno responsabili del loro apprendimento
  • Persistono poco di fronte ad un compito
  • Sfiducia nelle proprie possibilità di imparare come gli altri

Problemi emotivi

  • Concetto di sé più negativo
  • Maggiore ansia
  • Bassa autostima

Problemi relazionali

  • Difficoltà ad entrare in relazione con compagni
  • Sono più facilmente esclusi e respinti

I DSA tendono ad aggravarsi nel tempo

• Perché alcuni apprendimenti dipendono da altri

• Differenziazione tra

  • Bambini a rischio per vero DSA (base biologica)
  • Bambini a rischio per inadeguatezze nelle esperienze d’apprendimento

 

Osservazione e intervento precoce

• Obiettivo

  • No etichetta diagnostica
  • Rinforzare le abilità che consentiranno un approccio positivo agli
  • apprendimenti scolastici
  • • Realizzazione
  • Per i 3-4 anni: Approccio osservativo e qualitativo degli apprendimenti di base per sviluppare armonicamente le funzioni cognitive
  • Dopo i 5 anni: Osservazione e valutazione iniziale dei prerequisiti seguite da attività di rafforzamento delle componenti rivelatesi più deboli

 

Fattori di rischio

• In età prescolare

  • Familiarità
  • 2-3 anestesie prima dei 4 anni
  • Prematurità e basso peso alla nascita
  • Difficoltà nelle competenze comunicativo- linguistiche (DSL) Difficoltà nelle competenze motorio-prassiche
  • Difficoltà nelle competenze visuo-spaziali

• Segnale predittivo: La difficoltà di linguaggio che permane dopo i 4 anni

Le lettura inizia con processi visivi e poi con quelli fonologici. I due domini, inizialmente separati, devono integrarsi in una relazione reciproca. Le lettere sono mantenute in memoria come simboli visivi che attivano suoni.

Osservazione

Le osservazioni e i giudizi fatti dalle insegnanti sul comportamento dei bambini nella scuola dell’infanzia possono essere altamente predittivi rispetto allo sviluppo di una successiva difficoltà nell’apprendimento.

La possibilità del contatto quotidiano mette in una situazione favorevole per osservare il loro naturale e spontaneo modo di agire.

Abilità linguistiche _Comprensione:

 

• Indicatori

 

  • Ascolta e interviene appropriatamente in conversazioni (4 anni)
  • Comprende istruzioni composte da una singola azione (siediti, dammi,
  • fermati, ecc) (2 anni)
  • Comprende istruzioni composte da due o più azioni (5 anni)
  • Ascolta la lettura di una storia, pone domande pertinenti e riconosce
  • le incongruenze (4 anni)
  • Risponde a domande tipo ‘dove è .....?’ (3-4 anni)
  • Fa una scelta quanto gli viene richiesto ‘vuoi il latte o il succo?’ (3-4
  • anni)
  • Comprende i concetti topologici ‘metti la penna dentro l’astuccio’ (3-4
  • anni)
  • Indica immagini di oggetti comuni su richiesta (3 anni)

Abilità linguistiche –Comprensione:

 

  • Produce 50 parole (2 anni)
  • Utilizza frasi di tre parole (2 anni)
  • Articola le frasi in modo grammaticalmente corretto (plurali, articoli,
  • congiunzioni, coniuga i verbi) (3-4 anni)
  • Fornisce un resoconto di un’esperienza recente (3 eventi in
  • successione) (4 anni)
  • Parla in maniera intellegibile (3 anni)
  • Esprime esigenze ed emozioni in modo comprensibile (3 anni)
  • Denomina immagini di oggetti comuni su richiesta (3 anni)

• Abilità linguistiche-Padronanza fonologica: 

  • • La padronanza fonologica è la capacità di percepire e riconoscere la
  • linguistiche 
  • diversità dei suoni (fonemi) e dei contenuti di ogni parola e nello stesso
  • tempo la capacità di pronunciare e utilizzare questa differenza in maniera
  • adeguata alle varie situazioni.
  • Indicatori di mancata padronanza fonologica
  • Sostituire lettere simili (s/z, r/l, p/b, v/f, d/t);
  • Omettere lettere e parti di parola;
  • Invertire alcune sillabe nella parola (topo/poto);
  • Difficoltà nell’isolare il primo o l’ultimo suono della parola (in questo
  • caso possiamo chiedere: “mela inizia con ... ?” oppure “nave finisce
  • con ...?”);
  • Difficoltà nel riconoscimento e nella costruzione di rime

attività di osservazione

  • Ripetizione di parole: Costruiamo una lista di parole e invitiamo i
  • bambini, individualmente, a ripeterle. Nello scegliere le parole selezioniamo quelle che sono poco frequenti per loro, composte da due e tre sillabe semplici e complesse, concrete e nello stesso con un buon livello di immaginabilità. Pronunciamo le parole in modo chiaro e non troppo rapidamente

• attesa

3 annidevono ripetere correttamente 4 parole

4 annidevono ripetere correttamente 6 parole

Classificare le parole in base alla lunghezza (4 anni)

Distinguere il suono iniziale della parola (5 anni)

Riconoscere le rime: Ripetiamo ai bambini, individualmente o in

gruppo, alcune parole in rima (pera-sera, mela-tela) e facciamo notare loro che queste parole sono simili perché finiscono nello stesso modo. Ripetiamo poi altre parole in coppia e chiediamogli se c’è la rima o meno. (5 anni)

Raccontare una storia osservando alcune immagini: Chiediamo ai bambini, possibilmente in maniera individuale, di raccontarci una piccola storia rappresentata in una serie di vignette . Valutiamo positivamente se il racconto è coerente, ricco e aderente a quanto raffigurato dalle immagini. (3-4 anni)

 

• Abilità cognitive -Discriminazione

• attività di osservazione

• appaiamento: Invitiamo i bambini a sovrapporre o accostare le immagini uguali (2-3 anni)

 

 

Abilità cognitive – Memoria

• attività di osservazione

• Riconoscimento uditivo:

Inizialmente pronunciamo due parole come ‘mare’ e ‘palla’

facciamo passare alcuni secondi

avvisiamo i bambini che diremo una serie di parole e invitiamoli

a battere le mani quando sentiranno le due dette in precedenza

pronunciamo lentamente le seguenti parole: ‘nave’, ‘mare’,

‘miele’, ‘palla’. (4-5 anni)

• Rievocazione uditiva e visiva: Mostriamo 5 immagini o pronunciamo fino a 5 vocali in sequenza, invitiamo il bambino a ricordarle o ripeterle (5 anni)

• Abilità

Nei bambini dislessici il focus dell’attenzione è troppo ampio

Hanno maggiori difficoltà ad elaborare stimoli presentati

contemporaneamente a livello visivo e uditivo

Tale fenomeno è detto ‘affollamento’ ed è tanto più evidente quanto più gli

elementi sono simili allo stimolo target

Per leggere bisogna concentrare l’attenzione sul alcuni elementi della stringa

di lettere, riconoscerli e spostare l’attenzione sui segni grafici rimanenti

Questo processo deve avvenire con ordine, procedendo da sinistra verso

destra in tempi brevi

I bambini dislessici hanno difficoltà a spostare rapidamente l’attenzione

visiva spaziale:

Invertono lettere o sillabe all’interno della parola

Mostrano movimenti oculari più numerosi

Tempi di fissazione più lunghi

Frequenti regressioni (‘tornano indietro’)

cognitive – Attenzione

• Abilità

• Attività di osservazione

cognitive – Concetti dimensionali

• Denominazione e distinzione dei concetti dimensionali: Procuriamoci un cubo, una matita e una palla grande e piccola posizioniamoli di fronte ai bambini e chiediamo loro di consegnarci quelli grandi. (3 anni)

• Abilità

• Attività di osservazione

cognitive – logico/matematiche

• Ordinamento:

1. Collochiamo di fronte ai bambini tre cubi e chiediamogli di

toccare il primo cubo della fila, poi l’ultimo della fila e infine

quello in mezzo.

2. Posizioniamo sul tavolo alcuni animali in plastica in fila.

Chiediamo ai bambini di nominarci l’animale che viene prima

ad esempio del cane, quello che viene dopo e così via.

3.Ritagliamo da un cartoncino colorato 4 cerchi del diametro di

4,7,10,13 cm. Collochiamoli in ordine sparso dinnanzi ai bambini e chiediamo loro di riordinarli dal più piccolo al più grande. Diamo noi una prima dimostrazione. (5 anni)

• Numerosità:

• 1. Utilizziamo qualsiasi oggetto o giocattolo presente nella

sezione, formiamo due mucchietti di oggetti dello stesso tipo ma di quantità diverse (un mucchietto di 4 palline e uno di 6) e chiediamo di indicarci l’insieme con più palline.

2. Collochiamo di fronte ai bambini il cartoncino con 2 coccinelle e quello con 7, invitiamoli ad indicare qual è la carta con più disegni.

3. Procuriamoci quattro cubetti o matite e chiediamo di consegnarcene 2, poi 3 e infine 4.

4. Proponiamo ragionamenti sull’aggiungere o togliere. Chiediamo ad esempio: “se in un cestino ho 5 mele e ne mangio 1, nel cestino ci sono più o meno mele di prima? (4-5 anni)

• Abilità percettive

• attività di osservazione

Orientamento nello spazio: Osserviamo se i bambini si orientano bene nello spazio, ad esempio quando è arrivato il momento di andare a mensa notiamo se si avviano autonomamente nella direzione giusta.

Rapporti spaziali: Procuriamoci un cubo e una tazza, consegnamoli ad un bambino alla volta e invitiamolo, in sequenza, a posizionare il cubo:

a) dentro la tazza

b) sopra la tazza

c) sotto

d) dietro

e) davanti

• attesa

• Abilità percettive - pregrafismo

a 3- 4 anni (almeno 3 risposte giuste)

• Indicatori di difficoltà

Non sfrutta adeguatamente lo spazio del foglio

esercita pressione debole o eccessiva sul foglio

ritocca il segno grafico già tracciato

mostra discontinuità nel gesto

mostra lentezza

Non direziona il gesto grafico

• Abilità percettive - pregrafismo

Copiare figure geometriche:

Mostriamo il disegno di un

cerchio (3 anni), un quadrato (4 anni) e un triangolo (5 anni) e chiediamo loro di fare una figura uguale su un foglio non rigato.

Disegnare la figura umana:

Diamo ai bambini matita e

foglio non rigato e invitiamoli a disegnare una figura umana.

• attesa

• a 4 anni2 parti del corpo (testa, gambe, occhi, naso,

mani, bocca, tronco, orecchie, collo, piedi e braccia)

• Abilità motorie

• a 5 anni6 parti del corpo (testa, gambe, occhi, naso, mani, bocca, tronco, orecchie, collo, piedi e braccia)

m otricità globale

indicatore

attesa

salta sul posto

2 anni

sta su un piede solo

3 anni

cammina lungo una linea dritta

3 anni

salta da uno scalino

3 anni

lancia una palla

3 anni

afferra una palla

3 anni

pedala sul triciclo

3 anni

porta una tazza d'acqua

4 anni

va su e giù per le scale

4 anni

salta in lungo

4 anni

marcia seguendo il ritmo della musica

5 anni

calcia una palla mentre cammina

5 anni

fa rimbalzare la palla con una mano e la prende con due

5 anni

Raccogliamo le osservazioni in griglie riepilogative

Consultiamoci con gli altri insegnanti o figure educative che ruotano intorno ai

bambini

Utile per i bambini del secondo anno (nella seconda parte dell’anno) ma soprattutto per quelli dell’ultimo anno (settembre-ottobre)

Potenziamento

Scegliamo le aree su cui lavorare in base alle necessità del gruppo dei bambini che hanno manifestato difficoltà ma anche in base alle caratteristiche dell’intera classe.

Proponiamo a tutti la possibilità di prepararsi al meglio alla scuola primaria e nello stesso tempo i bambini che hanno maggiori difficoltà potranno beneficiare dell’interazione con i compagni che ne hanno meno, ai quali potremo affidare il ruolo di tutor.

Progettiamo percorsi che vadano a potenziare le competenze linguistiche, cognitive, percettive e motorie.

Percorso fonologico

Esiste una stretta correlazione tra competenze metafonologiche, le capacità di percepire e riconoscere a livello uditivo i suoni che compongono le parole e di operare adeguate trasformazione degli stessi, e il livello della letto-scrittura

Proponiamo una serie di attività che hanno lo scopo di favorire nei bambini l’abilità di giocare con la veste sonora delle parole e di riconoscere i singoli suoni.

Discriminazione uditiva

Spesso eccessive stimolazione sonore diverse possono confondere i

bambini portandoli a abbassare la loro attenzione per il mondo dei suoni o ad

assumere un atteggiamento passivo nella ricezione.

Organizziamo giochi che permettano ai bambini di riconoscere e

raggruppare i suoni in base alla durata e all’intensità, per costruire sequenze

ritmiche, in modo da esercitare il loro senso ritmico

Aggiungiamo ai suoni movimenti o gesti in modo che possano viverli e

percepirli con concretezza.

attività di potenziamento

 Riconoscere versi e rumori

  1. Tombole sonore

  2. Procuriamoci alcune immagini di animali e di strumenti musicali, dividiamoli in due gruppi; estraiamole da un sacchetto, pronunciamo il verso o il suono corrispondente e chiediamo ai bambini di indovinare che cosa è.

  3. Classificare i versi e i rumori in scatole

  Leggiamo una coppia di parole alla volta e invitiamo i bambini a

battere le mani quando sentono parole uguali  La lunghezza delle parole:

  1. Procuriamoci bollini adesivi colorati, nominiamo una parola scandendo le sillabe e ad ogni sillaba che incolliamo su un foglio un bollino

  2. Cartellone con due tasche per classificare le parole  La segmentazione delle parole

 1. Cerchi (battere le mani)

 2. Divedere le parole  Il suono iniziale

  1. Raccontiamo una storia con un burattino che mangia la prima lettera

  2. Nascondiamo il burattino dietro un foglio e pronunciamo alcune parole senza la prima lettera

  3. Cercare parole che iniziano con lo stesso suono della prima lettera del nome del bambino

  4. Coinvolgiamo la famiglia a cercare immagini con lo stesso suono iniziale del nome

 Le rime

  Filastrocche e canzoni in rima

  Il domino delle rime

Percorso percettivo

L’analisi visiva è la capacità di discriminare e riconoscere i simboli grafici e mantenerli in memoria:

individuare forme, analizzarle e discriminarle tra le altre simili, individuare il loro orientamento nello spazio (‘u’ e ‘n’, ‘b’ e ‘q’, ‘d’ e ‘p’).

riconoscere una struttura nel suo insieme e nello stesso tempo distinguere gli elementi che la compongono. I bambini piccoli possono trovare difficile cogliere i rapporti intercorrenti tra il tutto e le parti.

La serialità visiva è uno degli automatismi più importanti nel processo di letto- scrittura. Per molti bambini spostare lo sguardo sistematicamente, soffermandosi più a lungo là dove il testo lo richiede, è un’acquisizione che avviene spontaneamente. Per altri questo non avviene. In ogni caso questa abilità può essere esercitata in tutti i bambini già dall’età della scuola dell’infanzia.

Prelettura. Per l’apprendimento della lettura è necessario riconoscere e manipolare stimoli visivi:

Facciamo esercitare il bambino a osservare e manipolare materiale figurativo

L’obiettivo è di aumentare la velocità di denominazione rapida automatizzata

perché correlata con la velocità di decodifica.

Lettura di immagini.

Lettura di colori. Serie di cerchi colorati in orizzontale da denominare,

seguendo la direzione sinistra-destra. Oppure cerchietti in bianco e

nero da colorare e denominare.

Prelettura di lettere. La lettera alfabetica può assumere significati e suoni diversi a

seconda dell’orientamento spaziale (b diventa d semplicemente girandola).

• Proponiamo attività che esercitino il bambino a orientare nella giusta

direzione le lettere che pronuncia e a riconoscerle anche se sono orientate in maniera diversa

Percorso grafo-motorio

• Pregrafismo

1. Primo tracciato

2. Precorsi pregrafici

3. Colorare nei margini

4. Tombola delle lettere

Percorso logico-matematico

Attività di logica

1. Risoluzione dei problemi

2. Connessioni logiche (indovinelli sulla funzione e caratteristiche)

3. Relazioni d’ordine temporale

Le quantità

• Pochi/tanti

• Procuriamoci tra scatole di scarpe, pitturiamole con colori ben distinti tra loro. Nascondiamo all’interno di una un oggetto, della seconda nessun oggetto e della terza 4/5 oggetti. A turno invitiamo un bambino alla volta ad aprire le scatole e dire ad alta voce: “qui c’è un oggetto, qui non c’è nessun oggetto, qui ci sono tanti oggetti”.

Le quantità uguali (sacchetti, schede)

Le relazioni di grandezza

Le relazioni di valore

• I numeri

Scrivere i numeri

Costruire numeri tridimensionali

Enumerazione in avanti e indietro

Filastrocche

I cerchi. Disponiamo per terra 5 o 9

cerchi in sequenza verticale, scriviamo all’interno con il gesso colorato i numeri da 1 a 5/9 in

sequenza, invitiamo il bambino a saltare a piedi uniti dal primo cerchio

ai restanti, contando • Associare numeri-quantità

Le strategie facilitanti

 visualizzazione

  Cartellone delle attività

  Schema della giornata

  Lettura visualizzata